News

CON “GENERAZIONI VERSO IL LAVORO” IL PATTO CON I GIOVANI PUNTA ALL’OCCUPAZIONE

9 giugno 2008

A disposizione delle imprese sostegni economici per assumere lucani a tempo indeterminato

Ridurre la disoccupazione intellettuale, trasformare contratti a termine ed atipici in rapporti di lavoro a tempo indeterminato, promuovere il rafforzamento dell’occupazione femminile, agevolare il rientro nel tessuto produttivo dei lavoratori over 50. Il nuovo Avviso Pubblico, “Generazioni verso il lavoro” per la concessione di aiuti all’occupazione ed alla formazione, possiede queste finalità. Uscito sul BUR n. 23 del 3 giugno’08, l’A.P., che può contare su una copertura finanziaria di quasi 22 milioni di euro, è rivolto alle imprese rigorosamente della Basilicata che vogliono assumere giovani e non a tempo indeterminato. Diverse le tipologie dei destinatari: disoccupati o inoccupati laureati come in possesso di un diverso titolo di studio, disoccupati o inoccupati di età superiore ai 50 anni, lavoratori in cassa integrazione straordinaria, iscritti alle liste di mobilità, disoccupati o inoccupati con famiglia monoparentale con uno o più figli conviventi, possessori di contratti a termine o atipici. Unico il requisito fondamentale: essere residenti in Basilicata da almeno sei mesi. Le aziende che faranno domanda otterranno dalla Regione Basilicata contributi, la cui entità varia a seconda della tipologia di lavoratore che si intende prendere alle proprie dipendenze, per tre anni e potranno contemporaneamente accedere anche agli aiuti messi a disposizione per formare i neoassunti. Le imprese hanno 30 giorni di tempo a partire da quello successivo alla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regionale per produrre le domande, utili a richiedere il regime di aiuti anche per più di un’unità. Attenzione: non farà fede il timbro postale.
Le istanze vanno depositate presso il Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport, Viale della Regione Basilicata, 8 – 85100 – Potenza.
Chiunque voglia ottenere maggiori informazioni può rivolgersi allo SPRING: 0971 668980, spring@regione.basilicata.it ed all’URP del Dip. Formazione: 0971 668007

MASTER 2006/2007. ADESSO SI PUÒ

18 marzo 2008

L’Avviso prevede contributi per i corsi attivati e conclusi

I giovani che hanno partecipato ai master nell’anno 2006/2007 e che aspettavano una possibilità di contributo, possono tirare un sospiro di sollievo. La misura c’è. E’ stata pubblicata sull’ultimo Bollettino Ufficiale Regionale: il n. 13 del 17 marzo 2008.
L’art. 1 dell’Avviso “Concessione di contributi per la partecipazione ai master universitari realizzati nell’anno accademico 2006/2007″, infatti, recita: “Al fine di favorire l’accesso individuale all’alta formazione delle persone laureate in cerca di occupazione, la Regione sostiene la partecipazione ai master universitari di primo e di secondo livello, realizzati nell’anno accademico 2006-2007, mediante la concessione di voucher (contributi) per i costi iscrizione e di frequenza”.
Possono produrre la domanda i giovani laureati, che siano disoccupati o inoccupati e residenti in Basilicata. Fanno eccezione i rientranti nelle categorie di cui alla Legge Regionale n. 16 del 3 maggio 2002, quella sui lucani emigrati all’estero per intenderci.
Le istanze vanno presentate al Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport entro le ore: 12,00 del 30esimo giorno successivo a quello di pubblicazione dell’Avviso.
E’ possibile chiedere informazioni all’URP del Dipartimento che risponde allo 0971/668007.

LA CITTÀ DELLA PACE PER I BAMBINI IN BASILICATA SI FARÀ

19 dicembre 2007

La Regione stanzia 4,4 milioni di euro per il progetto di Betty Williams

Palazzo Baronale, Scanzano Jonico. Complesso di S. Maria di Orsoleo, Sant’Arcangelo. Due gioielli architettonici lucani messi a disposizione di un unico progetto, voluto dal Premio Nobel per la pace 1976, Betty Williams, sostenuto dal Presidente della Regione, Vito De Filippo, che lo ha voluto nel Patto con i Giovani, e sovvenzionato dall’Ente Locale con 4,4 milioni di euro.
Un’area di sicurezza per i piccoli e le loro famiglie che, lontani dalle nazioni di provenienza coinvolte in conflitti armati, potranno sperimentare la capacità d’accoglienza, di cura, la possibilità di integrazione e di imparare un mestiere che le nostre strutture e le nostre competenze professionali sapranno offrire. Questo vorrà dire in Basilicata “La città della Pace per i Bambini”. E non solo. Quest’Urbe fondata sull’interculturalità, la cooperazione allo sviluppo e l’educazione alla cultura della Pace sarà anche polo d’eccellenza per la ricerca in materia di energia pulita, medicina ed educazione.
Il Presidente, De Filippo, che ha preso parte alla conferenza stampa romana di presentazione, dichiara: “Siamo impegnati nel costruire alleanze e possibili collaborazioni per mantenere viva la Città della Pace e per creare opportunità a favore di quanti vogliono realmente spendersi per i più piccoli”.
Il progetto del World Centers of Compassion for Children International (WCCCI) della Williams, che prevede l’utilizzo di strutture già esistenti e per questo adeguabili alle nuove funzioni con un investimento meno impegnativo, nascerà a Scanzano perchè lo stesso Premio Nobel, durante la rivolta di 4 anni fa, intervenne a sostegno di un utilizzo alternativo di quella porzione di Basilicata, mentre installandosi nel complesso religioso di Sant’Arcangelo incentiverà il coinvolgimento dei piccoli comuni della Val D’Agri.