Servizi

 

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SPALANCA LE FINESTRE AL CITTADINO

La Regione Basilicata, in ottemperanza alle Leggi che stanno innovando il sistema di comunicazione fra Pubbliche Amministrazioni e fra queste e i cittadini e le imprese, si è dotata di una serie di strumenti per stare al passo con i tempi: Piattaforme digitali, la PEC istituzionale, il Protocollo informatico, la Centrale Avvisi e Bandi,  e molto altro. Una vera e propria rivoluzione culturale, mirata a rendere le attività amministrative più accessibili, veloci, efficienti, sicure nel loro viaggiare attraverso la rete.

Il possesso di queste nuove capacità ha fatto sì che l’Ente potesse mettere a disposizione del utente/cittadino servizi che fino a ieri o non era possibile erogare o pretendevano il contatto diretto e procedure lunghe e farraginose.

Oggi, tutti i naviganti della rete hanno l’opportunità di verificare i propri referti medici, toccare ogni contenuto del Portale della Regione Basilicata, formarsi on-line, consultare i pagamenti effettuati, partecipare agli Avvisi ed ai Bandi che erogano contributi direttamente dal proprio computer, tablet, mobile o supporto idoneo.

Per avvalersi di tutte queste opportunità, basta usare la stessa lingua della Regione Basilicata e dotarsi degli strumenti necessari:

 

PEC, ovvero Posta Elettronica Certificata
Hai mai avuto il dubbio che una tua e-mail non fosse arrivata al destinatario, che non l’avesse letta, che il suo contenuto potesse essere stato modificato se non peggio stravolto?

Se la risposta è sì, allora hai bisogno di farti una PEC.

Devi comunicare con una Pubblica Amministrazione e ti è stato chiesto di farlo usando la Posta Certificata, per avere la certezza legale degli avvenuti invio e consegna?

Ancora una volta ti serve la PEC.

Vuoi partecipare ad un Avviso Pubblico che chiede l’invio della candidatura senza la raccomandata tradizionale?

La risposta è sempre la PEC.

Vuoi sapere cos’è, come funziona, a cosa serve ma soprattutto dove e come potertene  procurare una?
Clicca qui

 

IO MI ACCREDITO
Quando si vuole entrare a casa di qualcuno, di solito bisogna bussare al citofono e farsi riconoscere.
L’accreditamento sul Portale della Regione Basilicata funziona nello stesso modo con una particolarità in più: una volta autenticati e chiesto ed ottenuto anche il PIN, sarete in grado di visitare tutte le stanze della casa, senza dover ogni volta dire chi siete, avrete una vostra stanza personale che potrete arredare con i servizi che più vi sono utili e potrete partecipare a tutte le misure previste dall’Ente. Avrete creato una vostra identità digitale, con tanto passepartout. L’accreditamento così come il PIN non hanno scadenza. Solo i bandi con procedura di gara per l’aggiudicamento di appalti sono ancora gestiti dai diversi Dipartimenti secondo i vecchi schemi.

Si parte dal Portale della Regione Basilicata, klikando “Servizi on-line”. Una volta nella pagina, dovrete accedere all’area “Registrati” e compilare tutti i campi richiesti. Leggete con attenzione i Termini del servizio e le Norme sulla privacy.

Vuoi iscriverti adesso?
Clicca qui

 

DIMMI IL TUO PIN E SAPRO’ CHI SEI
Il Decreto del Presidente della Repubblica n. 445 del 2000 può definirsi la madre di tutte le norme in materia d’innovazione della P.A. Digitale. Da lì nasce la PEC, il Protocollo informatico e da esso discende naturalmente il CAD – Codice dell’Amministrazione Digitale – (D.Lgs 82/2005) una sorta di cartina stradale che le Amministrazioni usano per allinearsi concretamente alle novità. Il Codice descrive, fra le altre cose, come sia corretto autenticarsi presso una P.A., per essere certi che l’utente sia sempre uno e sempre lo stesso, per garantire che l’interazione sia sicura tanto per il cittadino, quanto per l’Ente, per lo svolgimento di tutte le operazioni amministrative nel rispetto della Legge. Oggi il CAD prevede l’autenticazione corretta che da nelle mani dell’utente l’ID – l’identificativo, la PASSWORD  – la parola d’ordine ed il PIN – un codice alfanumerico. Questo si può ottenere inoltrando richiesta on-line, se si possiede la firma digitale, oppure recandosi presso uno dei 7 Uffici Relazioni con il Pubblico della Regione Basilicata, per ottenere l’identificazione diretta. Attenzione, in questo caso bisogna avere con sé fotocopia di un documento valido di riconoscimento.

Vuoi leggere i contenuti normativi o avere maggiori informazioni sul PIN?
Clicca qui

 

DALLA STILOGRAFICA ALLA PENNA USB
La firma digitale tecnicamente è fatta da una serie di chiavi criptate dal duplice scopo: rendono legalmente valido un documento redatto, ad esempio, con un programma di video scrittura e generano un allarm, se questo è vittima di un tentativo di manomissione. Oggi, per partecipare alla maggior parte degli Avvisi regionali la firma digitale non è necessaria, ma si ritiene corretto dare in questa sede alcune informazioni utili.

Vuoi sapere nel dettaglio cos’è firma digitale?
Clicca qui